Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese, Cucina Toscana

Buona Domenica....sera!! Com'è andata la vostra giornata??!! Parenti,amici, a casa, alsole,conla pioggia.....??? Qui da noi fa freddino, il cielo è grigio e piovigginoso, sinceramente oggi non ho messo fuori il naso di caso, anche perchè come ogni influenza che si rispetti dopo che l'hanno presa i piccolini...tocca ai più grandi...ed eccomi qui!!! Ieri sera siamo stati a cena da amici...è stata una serata  stupenda, con persone a cui vogliamo un sacco di bene...ma ne ho risentito subito e stanotte...mamma mia!!! Spero di nonriattacala ai piccoli...seno diventa la "novella dello stento...che dura tanto tempo e non finisce mai!! "
Oggi voglio lasciarvi una ricettina che mi ha fatto tante tante volte la mia nonna quando ero piccola, ma che non avevo mai provato...ora che l'ho provata posso assicurarvi che è fantastica!! Almeno a me e mio marito piace moltisso...sono delle polpette molto semplici che si ritrovano anche nei libri di cucina più tradizionale a volte accompagnate con della salsa di pomodoro...ma a casa mia si sono sempre mangiate così...fumanti appena tirate fuori dalla padella!!!


Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese

Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
INGREDIENTI per una ventina di polpette :
  • 300 g di carne lessa di vitello ( o lesso come volete chiamarlo)
  • 3/4 patate medie
  • 2 spicchi di aglio
  • 3 cucchiai di pinoli
  • 3 cucchiai di uva sultanina
  • Un mazzettino di prezzemolo
  • Sale
  • Pepe
  • Noce moscata
  • Olio di semi
  • Uno stecchino
  • 100 g di parmigiano grattugiato (io non lo metto)
Per prima cosa sbucciate e mettete a lessare le patate con un pò di sale, quando saranno cotte schiacciatele con una forchetta. Fate un battuto con il prezzemolo e l' aglio, tagliate il lesso e spezzettatelo con la mezzaluna insieme al battuto.
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese


Una volta tritato più o meno grossolanamente mettetelo in una ciotola, aggiungete le patate schiacciate, un pò di sale, pepe e noce moscata, unite le uova (e il formaggio grattato se volete), mescolate bene con una forchetta.
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese


 Per ultimo unite i pinoli e l uvetta precedentemente tenuta in ammollo e strizzata.

Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese

Formate delle palline non troppo grandi, passatele nel pangrattato

Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese

Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese


Mettete a scaldare l olio e quando sarà ben caldo (potete verificarlo immergendo uno stecchino) mettete le polpette.
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
Polpette di bollito con pinoli e uvetta, ricetta tradizionale pistoiese
 Quando saranno dorate sono cotte.
Buon appetito!
Con questa ricetta partecipo al contest  di Elena "A pancia piena si ragiona meglio"



ed al contest di Squisito :





Commenti

  1. Oh tesoro! Sono felice per la bella serata ma.. mi raccomando, curati e riprenditi presto! :) Conosco volentieri per la prima volta questa deliziosa ricettina!! Sei grandiosa, grazie!! un bacio e un abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Ma e' il bollito che da alle polpette quella particolare crosticina? Devono essere buonissssime. Brava la tua nonna e brava te.Baci.

    RispondiElimina
  3. Immagino il sapore, veramente gustose e poi ti ricordano tanto la tua nonna, il che le rende ancora più buone. Riguardati e riprenditi subito, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in casa si cucinano da almeno 100 anni.. l'unico neo è che a me non vengono cosi croccanti fuori come le faceva la mia mamma sebbene segua a puntino tutte le indicazioni.. ho anche pensato di passarle prima nell uovo e poi nel pangrattato ma in nessuna ricetta si passano nell uovo... quindi che consiglio mi date per rendere l'esterno piu croccante ?

      Elimina
    2. Ciao!!! non hai iserito il tuo nome ricordati di farlo per favore... io non le ho passate nell'uovo e non credo serva...per renderle croccanti puoi provare qualche accorgimento: l'impasto non farlo troppo molliccio sia il lesso che le patate falli riposare un po in modo che si sfaldino meno; puoi poi passarle magari una volta in più nel pangrattato in modo da asciugarle un po' di più esternamente e fondamentale friggi con olio ben caldo e falle scolare bene. Per friggere io uso l'olio di arachidi che è un po' più peso di quello di mais o di girasole ma ha un punto fumo più alto ed i fritti vengono meglio secondo me. Spero di esserti stata utile.....fammi sapere. a presto!!!

      Elimina
  4. Ciao Ilenia,
    è verissimo i profumi della cucina delle nonne sono così "rassicuranti" che, anch'io, quando riesco a riproporle mi danno quel "certononsochè" di serenità!
    Ne ho sentito il profumino sul contest "polpettiamo" e non ho resistito e ti ho seguita nel tuo blog!
    Se ti va passa a trovatmi dal mio....spero che qualche profumino ti attragga tra i miei lettori!!
    A presto!
    Buona settimana...speriamo senza influenza! :D

    RispondiElimina
  5. non le avevo mai sentite, ma che gustose!

    RispondiElimina
  6. inserita...grazie per la partecipazione!

    RispondiElimina
  7. bella ricetta, adoro il sapore agrodolce e queste polpettine mi fanno venire una fame :-)

    RispondiElimina
  8. Buoneeeeeeeee da provare, bella l'idea dell'uvetta e dei pinoli!

    RispondiElimina
  9. E' ptoprio una bella ricetta, mi piaccciono molto l'uvetta e i pinoli in proparazioni salate ...mi ricorda la sicilia!!!!
    ciao a presto ^_^

    RispondiElimina
  10. Ecco, questa è la classica ricetta che ti fermi volentieri a leggere perchè creativa nella sua tradizione! Mi piace un mondo e ti faccio i miei complimenti cara Ilenia!! Buonissimo lunedì e un caro abbraccio, Clara

    RispondiElimina
  11. Gustosissime e invitanti, una vera prelibatezza!!! Prendo nota, bravissima, baci e buona giornata

    RispondiElimina
  12. Adoro le polpette e se si parla di polpette corro subito da te!

    Grazie per la bella ricetta!

    RispondiElimina
  13. Avec les raisins secs et les pignons, ces boulettes en plus d'être originales, doivent être délicieuses.
    Je t'en pique une .
    A bientôt

    RispondiElimina
  14. Sai che questa ricetta per me è proprio una novità, non ti dico che curiosità mi hai messo!

    RispondiElimina
  15. Squisite le polpette della tua nonna! Io con le polpette non ho un buon rapporto, non mi vengono mai bene... le tue invece sono perfette!!!
    Spero che l'influenza passi presto...

    RispondiElimina
  16. Quanto mi piacciono queste ricettine che sanno di antico!!!
    Grazie mille Ilenia per la condivisione!!!
    Un bacione e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  17. secondo te si possono fare anche con l'arrosto avanzato, il bollito proprio non lo faccio mai! soprattutto da quando Ste mangia come noi;-) tranne che per l'uso della forchetta s'intende!!

    RispondiElimina
  18. Ciao! oggi polpette anche da noi ma...ti confesso che questa ricetta pistoiese mi ha conquistata! Complimenti!
    simo

    RispondiElimina
  19. Che buona questa versione delle polpette!!
    Complimenti...

    A presto
    Monica

    (fotocibiamo)

    RispondiElimina
  20. Ma come sono invitanti quelle belle polpette a bordo pentola!!!
    Anche mia nonna le faceva con la carne lessa, senza pinoli e uvetta (tutta da provare), e buone così non le ho più mangiate!!!
    Baci

    RispondiElimina
  21. Field Service Management has a crucial role in maintaining Network Field Engineer as they are responsible for planning, installing, testing, and maintaining the equipment to run a proper communication network. Their general duties include the maintenance and repair of equipment and construction of towers to ensure optimal performance. A telecom engineer’s job involves the use of various tools such as interconnect devices, network facilities, and radios. A field engineer also works with engineers from other fields for equipment installation and then report to the upper management.

    RispondiElimina
  22. common it problems Each profession has some challenges.
    However, the problem with most IT help desks is that they let many issues pile up to the extent that sorting them out becomes difficult. In this piece, you will get to learn about some common help desk problems and solutions.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao a tutti, qui potete sbizzarvi e condividere con me le vostre opinioni, idee, suggerimenti, critiche, sensazioni...sarò felice di trovare una qualunque traccia del vostro passaggio e di poter avere una pur piccola conversazione con voi...